Seleziona una pagina

Obey Giant è il Brand dello Street Artist Obey: Andrè the Giant, il primo soggetto famoso degli Sticker di Obey. Scopri tutta la Storia del Logo Obey.

Obey – André the Giant – Storia del Logo di Obey Giant

Tutti oggi conosciamo Shepard Fairey artista con il suo pseudonimo Obey, ma forse non tutti sanno che dietro il Logo di Obey Giant c’è un curioso episodio legato al pugile André The Giant.

Leggendo questo articolo potrai scoprire la vera Storia del Logo di Obey Giant e saprai così com’è nato lo pseudonimo di uno degli Street Artist oggi più famosi al mondo.

Come nasce lo Sticker André the Giant Obey

Se analizziamo gli eventi che hanno portato alla creazione dello Sticker André the Giant Obey comprendiamo bene quanto quello che sarà poi destinato a diventare un evento di portata mondiale sia in realtà nato quasi per caso.

Era il 1989 quando a Providence, nel Rhode Island, un ragazzo 19enne appena diplomato all’Accademia di Belle Arti prova ad insegnare ad un amico come si realizza uno sticker.

Il ragazzo in questione era Frank Shepard Fairey e l’immagine scelta casualmente da una rivista era la foto del noto wrestler André the Giant.

L’amico si rifiutò di utilizzare quell’immagine, ritenendo lo sportivo poco adatto per il loro scopo.

Fu così che Fairey decise di utilizzarla lui stesso per dimostrare che un’immagine semplice, sapientemente diffusa, può avere un impatto enorme.

Il volto del wrestler venne così immortalato negli stickers, che furono successivamente distribuiti nel mondo degli skaters di cui anche Fairey faceva parte.

Shepard Fairey lavorava infatti come grafico per il più famoso negozio di skateboard di Providence.

Sotto l’immagine del volto di André the Giant Obey inserì la frase “André the Giant has a Posse 7′ 5” 520 lb“, ovvero André the Giant ha una banda seguito da altezza e peso del pugile.

Nacque così il fenomeno a rilevanza mondiale ancora oggi conosciuto come Obey Giant Stickers.

Il riferimento a Posse inteso come banda/gruppo è un termine molto diffuso nella comunità degli skaters.

Nel 1994 il timore di una causa legale dalla Titan Sports Inc (oggi conosciuta come World Wrestling Entertainment) convinse l’artista a modificare limmagine del wrestler, stilizzandone il volto.

L’organizzazione infatti era quella che aveva i diritti sul pugile André the Giant.

Anche la scritta venne sostituita con OBEY.

Obey the Giant: il Gigante a cui tutti obbediscono

Fairey era cresciuto in una società che gli aveva insegnato come muoversi tra le immagini senza tuttavia spiegargliene il senso, in un universo in cui i propagandisti cercavano di piegare il mondo alle loro opinioni.

L’idea di unire la parola OBEY (obbedire) all’immagine del wrestler André the Giant, famoso per la sua enorme stazza è il modo che Fairey sceglie nella sua guerrilla art per puntare il dito contro questa tendenza.

Con la sigla Obey in fondo allo sticker lo Street Artist impartisce quel comando “Obbedire” a cui lui stesso era stato chiamato senza neppure accorgersene.

Fairey non impone un messaggio al suo mezzo, ma impone il suo mezzo come messaggio, attraverso quel comando “OBEY” usato dall’artista sarcasticamente.

Ogni sticker con il volto di André the Giant arrivato casualmente nel suo mondo, chiede al suo pubblico di obbedire al Gigante …. OBEY!

La campagna iniziata come un esperimento di fenomenologia si è trasformata in un evento che ha varcato i confini americani.

Sull’immagine di André the Giant OBEY ha costruito il suo successo mondiale.

Da quel momento in poi lartista sarà universalmente conosciuto con lo pseudonimo OBEY.

Caratteristiche tecniche del logo Obey Giant

Il Logo Obey Giant originale si presenta con il volto stilizzato del pugile André the Giant in bianco/nero racchiuso all’interno di un quadrato.

Sotto l’immagine vi è la scritta OBEY in bianco su uno sfondo rosso.

Altre versioni del Logo Obey Giant presentano una stella al posto del quadrato.

In queste ultime il volto del pugile si fonde con la stella creando un effetto visivo insolito ed accattivante.

Una ulteriore versione vede invece la stella con raffigurato il noto wrestler collocata all’interno di un cerchio con contorni in grassetto.

Nelle due versioni alternative, quelle con la stella, la scritta OBEY in bianco viene a volte collocata su uno sfondo nero anziché rosso.

Obey Giant vs Obey Clothing: quando la Street Art diventa Street Wear

Shepard Fairey, considerato oggi uno dei maggiori esponenti dell‘arte di strada (o meglio ancora della Street Poster Art), è diventato un fenomeno mondiale grazie al famoso stencil raffigurante il volto di André the Giant ed al manifesto Hope di Obey.

Uno dei suoi principali cavalli di battaglia, comune a tutti gli street artist, è sempre stato il desiderio di permettere un accesso democratico alle sue Opere d’Arte, ovvero di permettere a tutti di avere un Obey.

E quale modo migliore di divulgare i suoi lavori se non quello di imprimerli su T-shirts, capi di abbigliamento ed accessori destinati alla massa?

Con questa filosofia nasce nel 2001 Obey Clothing: un brand di successo tra adolescenti e skaters.

Capi di abbigliamento ed accessori vengono realizzati con grafiche elaborate e sono oggi considerati autentici cult dell’abbigliamento contemporaneo.

La faccia stilizzata di André the Giant, insieme ad altre grandi Opere d’Arte come il Manifesto Hope di Obama, vengono riproposte su magliette e felpe girocollo a marchio Obey.

Obey Giant Poster e Serigrafie: le Opere d’Arte da collezionare

Da molti anni le opere Street Art di Shepard Fairey sono divenute ambiti oggetti da collezione e sono sempre di più le persone che scelgono i suoi Dipinti come ottima forma di investimento nel tempo.

Proprio così….

Quando parliamo di Obey Giant Poster e Serigrafie rappresentano qualcosa destinato ad un costante aumento di valore.

Per avere un’idea del loro valore basta pensare che alcune stampe serigrafiche di Obey sono prodotte in numero talmente limitato da poter essere quasi considerati dei veri e propri pezzi unici.

È questo il caso di Rose Girl Obey, in cui l’artista ha raffigurato una giovane fanciulla circondata da tante rose rosse.

Tra le Opere d’Arte di Obey più famose ricordiamo, oltre al già citato Obey – André the Giant e a Rose Girl Obey, anche capolavori come:

  • Society of Destruction
  • Power
  • Imperial Glory
  • Flag

In questi Obey Giant Poster e Serigrafie troviamo la chiara denuncia dell’artista verso la società del grande potere.